CAI - SAT

SEZIONE TRENTO

HOME PAGE

Alpinismo Giovanile Attività Culturali Attività Botanica Sci Club
 

 

ATTIVITA' BOTANICA 2019

Domenica 26 maggio Carega – Piccole Dolomiti

 

Domenica 26 maggio abbiamo effettuato la prima uscita botanica al Pian delle Fugazze in Vallarsa per raggiungere il Passo di Campogrosso.

La strada è in leggera salita e quasi subito, lungo il bordo stradale, abbiamo notato due rarità botaniche tipiche della Vallarsa: Cardamine trifolia, esile pianta della famiglia delle Brassicaceae con fiori bianchi e foglie basali tripartite, e Pulmonaria vallarsae, con peculiarità tali da formare una distinta specie rispetto a Pulmomaria officinalis.

Maggio 2019 è stato segnato da basse temperature e da nevicate che hanno ritardato il risveglio primaverile; alla fine del mese ci siamo trovati a determinare soldanelle, genziane, anemoni, primule e scille, che generalmente si incontrano a marzo – aprile.

Interessante, lungo il percorso, l’Ossario ai Caduti della grande guerra ed il ponte tibetano inaugurato nel novembre 2016, sospeso sopra un canalone formatosi a seguito di una grossa frana.

Nel ritorno abbiamo percorso un sentiero lungo i versanti occidentali del monte Baffelan per raggiungere malga Boffetal, posta fra prati con modesta presenza di Dactylorhiza sambucina, date le condizioni stagionali.

Causa neve, non si è potuto effettuare per intero il programma proposto fino alla forcella del Fumante.

L’escursione è stata apprezzata perché si è vista una zona poco frequentata dai trentini relegata ai confini con il Veneto e ci ha permesso di conoscere la storia dei suoi pascoli e dei conflitti confinari per l’alpeggio; cippi in pietra segnalano i confini!

 

 

Pulmonaria vallarsae Rhododendron ferrugineum

 

  

Domenica 25 giugno Lago di Erdemolo – Val Cava

 

La nostra seconda escursione ci ha condotti in Val dei Mocheni, fiduciosi di trovare la fioritura del Rhododendron ferrugineum che ammanta di colore rosa-rosso i fianchi della conca, sul fondo della quale giace un tipico laghetto alpino: il lago di Erdemolo.

Mentre si saliva da Palù del Fersina, per raggiungere la sella da cui si vede il lago, abbiamo incontrato diverse specie di Silene e di Geranium, ma anche felci di sottobosco e licheni crostosi attecchiti sui massi porfirici, conferendo forme e colori da tavolozza di un pittore.

Attorno al lago, abbondanti erano Pulsatilla alpina e Pulsatilla apiifolia; bella era la Genziana punctata, tipica dei terreni acidofili.

Quel giorno il cielo era azzurro e la temperatura quasi africana, ma l’afa che regnava non ci ha tolto lo stupore e la meraviglia nell’osservare, arrivati in cresta a quota 2000 m, la barriera rosea di Rhododendron ferrugineum in fioritura perfetta: spettacolo emozionante da trattenere nella propria memoria.

Durante la discesa in Val Cava, percorso adattato causa smottamenti della tempesta Vaia, abbiamo osservato le piante d’alto fusto come cirmoli, larici ed abeti, ma anche gli schianti lasciati dal ciclone del 29 ottobre 2018!

 

ATTIVITÀ BOTANICA 2020

 

7 giugno Val Venegia – Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino

L’escursione è mirata ad osservare la fioritura di Primula tyrolensis ed altre specie primaverili.

 

26 luglio – Sentiero Adolf Munkel nel Parco Naturale Puez-Odle

La gita è mirata ad osservare la spettacolare fioritura delle praterie alpine e dei ghiaioni dolomitici.

                                                                                       

 

Per la Commissione

Gino Zambanini, Rosa Barater Trotter, Francesco Fracchetti, Paolo Cainelli

 

 

© SAT - Sezione di Trento - pw 12/2019