C.A.I. - S.A.T.

SEZIONE DI TRENTO

HOME PAGE

Alpinismo Giovanile Attività Culturali Attività Botanica Sci Club
 

 

ATTIVITA' BOTANICA 2018

             

Domenica 10 giugno – Monte Pazul

 

Alcuni fiori profumavano ed il Maggiociondolo (Laburnum alpinum), in perfetta fioritura con i suoi grappoli pendenti di fiori gialli, diffondeva i propri umori sul sentiero che stavamo percorrendo per raggiungere i prati del Pazul.

Superata l’erta tra il bosco, si apriva davanti a noi una distesa di prati e, fra il verde tenero dell’erba, si notavano Paradisea liliastrum, una candida liliacea, intercalata con Gymnadenia conopsea, orchidea di colore rosa.

Nella salita per raggiungere il rifugio Lancia abbiamo visto prati colorati di giallo e di rosso, per la presenza abbondante del ranuncolo giallo (Trollius europeus) e dell’orchidea Dacthyloriza sambucina, che si presenta sia nella forma a fiori gialli, sia in quella a fiori rossi e spesso convivono mescolate. Ma i prati sono disseminati anche di “baiti”, costruzioni caratteristiche in pietra bianca del luogo, abitate da decenni ed un tempo usate per la fienagione.

Il rientro nel pomeriggio ci ha permesso di effettuare alcune varianti del percorso del mattino e di annotare che il sole, durante il giorno, aveva acceso moltissime corolle, che ora formavano chiazze di colore bianco, rosa, giallo.

Paradisia liliastrum

 

Domenica 8 luglio – Piz Lad

 

Partenza con sveglia decisamente mattutina (h 05:30!), ma la giornata è bella e il tempo stabile. Lungo la strada che porta a malga Resia (2 020 m), alcuni interessati fotografano la Dacthyloriza majalis, una bella e vistosa orchidea già osservata in precedenti escursioni botaniche. Si osservano pure Campanula barbata, Saxifraga saponaria, Sempervivum aracnoideum e la lente a disposizione evidenzia la ragnatela di peli che lo caratterizza.

Salendo un’ampia prateria in direzione ovest con dislivello di 400 m, troviamo, in fiore, Rhododendron ferrugineum, Gentiana punctata, Aster alpinus, Senecio incanus, Potentilla grandiflora e numerose negritelle. Sono invece già sfiorite e si presentano con i loro frutti Loiseleuria procumbens, Primula farinosa, Drias octopetala: vegetazione bassa che ricopre i massi metamorfici e che conferisce un aspetto tardo estivo al paesaggio e che ci rende consapevoli che il tempo della fioritura si esaurisce, a quelle quote, in 15 giorni!

Ancora 400 m sul ghiaione e si raggiunge la Croce del Piz Lad e, dopo una breve sosta, si riprende la discesa seguendo un percorso in cresta.

La quota raggiunta è di 2808 m e poche piante si sono adattate a viverci: abbiamo incontrato genziane d’alta quota, la piccola ma abbondante liliacea Lloydia serotina, qualche sassifraga, qualche primula e qualche soldanella che segna che lassù è arrivata la primavera e che la neve si è sciolta da poco.

 

 

Lloydia seoitna

 

Domenica 7 ottobre – Lago di Tovel e Malga Flavona

L’escursione botanica si proponeva di godere dei colori dell’autunno che tinge la vegetazione d’alto fusto, lungo il percorso che porta dal lago a malga Flavona.

La giornata ha soddisfatto per alcune felici combinazioni! Il cielo sereno ed il lago, con una superficie piatta senza increspature, hanno permesso di fissare l’immagine dei torrioni calcarei che si specchiavano nitidi nell’acqua.

Il bosco di faggi, misto ad esemplari di Picea e di Abies, iniziava a prendere il colore dell’autunno; mentre ci alzavamo di quota, il faggio era sostituito dal larice.

Godibile la traversata in quota (1800 m) su un sentiero di sassi bianchi calcarei, bordati da una vegetazione bassa quasi da tundra... ginepri nani, Dryas octopetala, Rhododendron hirsutum, Erica carnea, mirtillo rosso e, soprattutto, Arctostaphylos alpina (Rossello alpino) con ciuffi di foglie rosso-arancio-viola. Il tutto era contenuto fra pareti nude e possenti, che sovrastavano il nostro fianco sinistro.

Emozioni e colori ci hanno accompagnato nel cammino del giorno.

 

 

ATTIVITÀ BOTANICA 2019

 

26 maggio – Gruppo del Carega e Piccole Dolomiti

L’escursione è mirata ad osservare la fioritura di primavera sui prati di Campogrosso e la Primula recubariensis sulle Piccole Dolomiti.

 

30 giugno – Lago Erdemolo, Rifugio Sette Selle

La gita è mirata ad osservare la spettacolare fioritura di Rhododendron ferrugineum e di altre specie ossifile, come Hieracium intybaceum e Achillea macrophylla.

                                                                                         

 

Per la Commissione

Gino Zambanini, Rosa Barater Trotter, Francesco Fracchettiu, Paolo Cainelli

 

 

© SAT - Sezione di Trento - pw 12/2018