C.A.I. - S.A.T.

SEZIONE DI TRENTO

HOME PAGE

Alpinismo Giovanile Attività Culturali Attività Botanica Sci Club
 

 

ATTIVITA' BOTANICA 2016-2017

 

Domenica 20 marzo – Parco Regionale Alto Garda Bresciano

L’uscita sull’altipiano di Tremosine, con partenza da Campione sul Garda, ha riscosso favore presso un folto numero di partecipanti, sia per la diversità dei paesaggi incontrati sia per la durata del percorso. L’itinerario ha offerto scorci sul lago di Garda ed il contatto con la flora mediterranea, mostrandoci rosmarini in fiore, iris, cipressi, olivi, ecc.

Percorrendo la valletta del torrente S. Michele abbiamo osservato la flora di forra con felci, ellebori, dafne laureola. Fra le felci è stata notata la Phyllitis scolopendrium con lunghe foglie linguiformi ed il genere Polypodium, felce con rizoma di sapore agrodolce, ma l’attenzione è stata catturata dalla presenza di una piccola liliacea (10-20 cm) color bianco o rosa o rosso che abbonda nel sottobosco e sui prati dell’abitato di Prabione e che fiorisce all’inizio della primavera. E’ l’Erythronium dens-canis: fiore rosso dice il nome, ma con un bulbo sotterraneo a forma di dente canino.

 Domenica 12 giugno – Monte Saline

L’escursione iniziava al passo San Pellegrino, quindi a Fuciade e su fino alla Busa della Tascia, ma per i buoni camminatori si poteva ritornare su una variante verso la Furca Rossa. Con noi era presente un giovane geologo, che ci ha descritto la geologia e la morfologia del territorio attraversato e ci ha fatto notare la presenza di massi erratici e di valli sospese.

Con un occhio al cielo, che non prometteva granché, ci siamo diretti a Fuciade, osservando e fotografando le prime fioriture primaverili per quella quota (1947 m) e, lungo un ruscelletto che impaludava il prato, numerosi erano gli esemplari di Dactylorhiza majalis e Pinguicula alpina.

Raggiunta la località di Fuciade, ci siamo dovuti fermare e riparare per uno scroscio d’acqua, che ci ha fatto dubitare circa il proseguimento della gita, ma dopo una mezz’ora abbiamo ripreso il cammino in salita guardando Allium victorialis, Ranunculus thora, R. hybridus e Pedicularis sp..

Con una fitta pioggia siamo arrivati alla Busa della Tascia, dove si trovano numerosi enormi massi dolomitici caduti chissà quando dalle pareti rocciose laterali, in seguito al ritiro dei ghiacciai. Nelle crepe e fessure dei massi vegetano cuscinetti di piccole piante a lentissima crescita, considerando le condizioni proibitive a cui soggiaciono: un singolo cuscinetto può impiegare un decennio o più per crescere di qualche centimetro!

I cuscinetti, con fiori bianchi come perle su un tappeto raso verde, sono di Androsace helvetica, mentre Androsace hausmannii ha fiorellini rosati. Il colore blu in contrasto col bianco era invece dato dai cuscinetti di Gentiana terglouensis e, fra masso e masso a fare da tappeto, era in fiore la Primula minima.

Non proprio col sole, ma quasi, abbiamo ripercorso la strada del ritorno.

 

Androsace hausmannii

 ATTIVITA’ BOTANICA 2017

21 maggio – Passo Rocchetta – Punta Larici

L’escursione è mirata a cogliere la fioritura di Matthiola vallesiaca e Daphne petraea e quindi ammirare il panorama sul Garda e sul Monte Baldo.

 16 luglio – Monte Tonale Orientale

Si potrà ammirare la flora che cresce su terreno acido (tonalite) e specie come Phyteuma hedraenthifolium, Saxifraga seguieri, Artemisia genepì, Eriophorum scheuchzeri.

Osserveremo anche un’area  in cui  è visibile  un “ Rock-glacier”.

                                                                                                      

 

Per la Commissione

Gino Zambanini, Rosa Barater Trotter, Francesco Fracchettiu, Paolo Cainelli

 

 

© SAT - Sezione di Trento - pw 12/2016